El fogazin

Era domenica, e dalla tavola un profumo dolce si disperdeva in tutta la cucina che costituiva la stanza in cui si viveva per la maggior parte del tempo, anche perché era l’unica che godeva del poco tepore che emanava la stufa o il focolare tenuto vivo dalla legna raccolta lungo i fossi. “El fogazin” era pronto. Il dolce fatto con ingredienti poveri, atteso da grandi e piccini, fra non molto sarebbe stato un momento di festa nel giorno più bello della settimana. Tutti sarebbero stati presenti, tutti uniti. Tutti grati alla Divina Provvidenza. Ma attenzione, bisogna essere parsimoniosi:  “el fogazin” non va  mangiato tutto in un colpo, bisogna “tegner da conto”!



El fogazin

**
Soto la zendar del fogolaro
quacià dale brase del vecio camin
fin che le done le cura i radeci
pian pian se cusina el fogazin
**
Lievito e scorza gratà de limon
acqua e farina, zucaro e ovi
impastè con l’amor dele man dela sposa
iè i soli ingredienti che drento te trovi
**
I buteleti mezi ingranfii
al calar dela sera de corsa i va in casa
e sempre i ghe spera de catar la sorpresa
ecoli lì a testa alta che i snasa
**
E i pensa “che belo catarse in fameia”
quando dorato l’è in mezo ala tola
tra una fetina e un bicer de acqua e vin
magari ghe scapa anca la fola
**
La fa festa con poco sta povera gente
quel poco che basta, un po’ più de gnente
intorno ala tola tuti vizin
come le fete del fogazin
***

(gianfrancomarangoni 04/10/2012)

La racolina

Ricordo appena quando le previsioni del tempo per l’indomani si facevano guardando come calava il sole o da che parte tirava il vento. Nelle calde sere d’estate, fra i grilli e le cicale, non era raro sentire il gracidare delle rane che si davano eco in aperta campagna. Chiamano la pioggia, si diceva. Ed in effetti anche loro facevano parte delle previsioni meteo. Preannunciavano la pioggia tanto attesa, una benedizione per i campi riarsi, ma anche un pericolo perché era probabile che dopo tanto caldo potessero scoppiare temporali violenti col serio pericolo di rovinare i raccolti. Oggi le previsioni meteo sono il risultato di complesse e sofisticate elaborazioni ma, se vi capita di trovarvi in campagna e sentite una moltitudine di cra-cra che riempiono la quiete notturna, tenetevi l’ombrello a portata di mano.

 

La racolina

***

Canta racolina

che l’acqua se avizina

sui campi che da tempo

iè li a patir l’arsura

e de perdar el formento

l’è tanta la paura

**

Canta par le tere

sedià piassè dei copi

i gà le foje ziape

i salgàri e anca i piopi

**

Nei campi de tabaco

i tubi iè destesi

ma i fossi ormai iè suti

non piove da du mesi

**

Canta racolina

ma usa la prudenza

quando se rompe el tempo

de tanto bel racolto

podemo restar senza

**

E se non l’è un disturbo

me bela racolina

canta pure tuta note

ma desmeti domatina

***

(gianfrancomarangoni 18/05/2012)

 

El murador

Bisogna avere il fisico per fare il muratore. Estate, inverno, sole, pioggia, a scavare fondamenta o sui tetti, a otto metri da terra. Bisogna avere “occhio”; oggi la tecnologia un po’ lo aiuta, ma trenta o qurant’anni  fa … un piombo appeso ad uno spago, la livella a portata di mano e il metro sempre in tasca. Si costruivano così le case, impastando la malta col badile, quello grosso, per poi portarla sui secchi su oltre il solaio, appesi ad una fune che veniva fatta scorrere su una carrucola. La gru era un lusso, troppo costosa per essere acquistata o noleggiata dalle piccole imprese edili, artigiani con due o tre operai e un manovale, parti attive del boom economico. E fra una fatica e l’altra non disdegnavano un buon bicchiere di vino, soprattutto quando serviva ad ammorbidire il panino di mezza mattina, quello classico con la mortadella.    

El Murador

 **

Con in man la cazola in piè su l’armaura

col caldo e col fredo ie ani ch’el dura

**

La pel come corame le color dei quarei

el gà zinquant’ani ma l’e insieme ai butei

**

Col piombo e la bola l’e un vero maestro

el miscia la malta de zanco e de destro

**

Un poca de panza ghe fa da contorno

l’e colpa del vin beù a mezzogiorno

**

Ch’el serve a chietarghe un poco i sudori

con ‘na ciopa de pan e ‘na fetina de bondola

prosciuto crudo dei muradori

**

(gianfrancomarangoni 04/09/2007)


El pingolo

L’altalena (el pingolo) fa parte di quei divertimenti che non passano mai di moda. In questo mondo ipertecnologico è ancora apprezzata dai piccoli e gradita dai grandi che, con ritrovato piacere, si lanciano e si lasciano trasportare fino a provare la sensazione di rimanere sospesi nell’aria, per poi ritornare giù, a sfiorare la terra, e ancora riprendere a salire. Il suo andare avanti e indietro è come il moto perpetuo, il pendolo dell’orologio che scandisce il trascorrere dell’esistenza dell’uomo, della vita che si rinnova e si ripete, di generazione in generazione.    

 

 

El pingolo

**

Ancora ricordo quando ero picolo

le ore passè a dondolarme sul pingolo

**

un’asseta su la soga tacà a le rame del piopo

in fondo a la corte de me nono pitoco

**

che nol vedea l’ora de averghe i butini

molè par el zelese come tanti pulzini

**

e dondola avanti, e dondola indrio

i giorni i passava sudà o ingranfio

**

fin che su l’asse ghe sentà la morosa

pronta a indossar el vestito da sposa

**

che intanto la impara a cosarme l’ovo

nel me toco de corte ho piantà el pingolo novo

***

(gianfrancomarangoni 06/05/2012)

Articoli Seguenti